Il ritorno di Cracco in tv: "Basta con gli aspiranti chef. Io cattivo? Anche Clint Eastwood ride"

"Se devi fare un ruolo lo devi fare bene. Non è che prima non fossi me stesso è che quelli erano fotogrammi molto rigidi di me". Carlo Cracco, presentando a Milano il suo nuovo programma "Nella mia cucina", condotto assieme a Camilla Boniardi, in arte Camihawke, racconta il suo passato in televisione in attesa del suo ritorno fissato per lunedì 16 settembre su Rai Due. E i tempi della severità mostrata in MasterChef o Hell's Kitchen sembrano un ricordo: "Ma non è che le persone sono cattive - spiega dalla sede di Rai Pubblicità - ogni tanto anche Clint Eastwood riderà. Forse è anche l'età, diventando un po' più vecchi si diventa un po' più saggi". A chi gli chiede se avesse anche progetti televisivi diversi da quelli culinari risponde con una battuta: "Pensavo di fare Sanremo". In realtà, lo chef ha poi articolato il ragionamento dicendo di amare "le cose nuove" e non sopportare "le ripetizioni delle ripetizioni". "Questa - ha concluso - è una bella sfida".
 
Di Andrea Lattanzi

Gli altri video di Spettacoli