Ballarò, gli artisti sulla motoape: 'Il nostro palcoscenico è la piazza'

Volontari e artisti animano Ballarò con musica, teatro e regalano sacchetti solidali con giochi per i bambini del quartiere. Nel decimo anniversario della riqualificazione di piazza Mediterraneo, ieri occasione di dibattiti sulla lotta al razzismo, un gruppo di lavoratori dello spettacolo, riunito all’interno del collettivo “Arte è Martello”, è sceso in strada per rivendicare dignità per il loro mestiere. Sei motoape guidate dagli abitanti del quartiere si sono trasformate, così, in piccoli palcoscenici mobili, attraversando le vie dell’Albergheria tra canti, musiche e piccoli sketch improvvisati. Una protesta che segue la mobilitazione nazionale di artisti della scorsa settimana in piazza Verdi e che unisce l’arte alla solidarietà. Gli artisti, già parte del comitato Sos Ballarò, durante la pandemia hanno contribuito alla distribuzione della spesa a seicento famiglie in difficoltà. “Adesso regaliamo arte – dicono dal collettivo - ne abbiamo tutti bisogno. Vogliamo prenderci cura della città e trasformarla in un palcoscenico per tutto il pubblico tagliato fuori a causa dell’inevitabile cancellazione della programmazione artistica – aggiungono - occorre creare bellezza con nuovi criteri e norme che garantiscano la sicurezza e la salute di tutti”.

di Marta Occhipinti

Gli altri video di Spettacoli