Palermo, Di Pietro al processo Stato-mafia: "Falcone mi disse di controllare gli appalti siciliani"

Al processo d'appello per la "Trattativa" Stato-mafia, il legale del generale Mario Mori, l'avvocato Basilio Milio, ha chiamato a deporre l'ex magistrato di Mani pulite Antonio Di Pietro per chiedergli di parlare delle indagini sulle tangenti per le opere pubbliche. "Falcone mi disse: guarda negli appalti in Sicilia", ha detto nell'aula bunker l'ex leader di Italia dei valori. Di Pietro ha parlato anche della maxitangente Enimont, 150 miliardi di lire: "In parte, quei soldi provenienti dall'imprenditore Raul Gardini, in Cct, arrivarono pure in Sicilia, a Salvo Lima".

 

di Giorgio Ruta

Gli altri video di Politica