Delitto D'Antona, il padre di Federica Saraceni: "Mia figlia ha diritto al reddito. Dovrebbe prostituirsi?"

"Chi vuole togliere il reddito di cittadinanza a mia figlia, che è alla fine di una lunga pena, mi dica cosa dovrebbe fare: darsi alla prostituzione, la buttiamo nella discarica, le diciamo di andare a fare delle rapine?". Luigi Saraceni, ex magistrato ed ex deputato dei Ds, difende il reddito per sua figlia Federica, condannata per l'omicidio D'Antona. "L'attacco a mia figlia è un attacco politico al reddito di cittadinanza. La sinistra ci ripensi, e non lo elimini, perché è una legge giusta. Mia figlia non ha reddito, ma dice: toglietemi il reddito di cittadinanza, ma datemi un lavoro. Ma nessuno vuole darle un lavoro. Dopo 15 anni di arresti domiciliari, ha diritto ad avere un lavoro. Che facciamo con mia figlia, come facevano i nazisti con gli ebrei, che li infornavano? Mia figlia aveva già ottenuto il reddito di inclusione, voluto dal governo Renzi. Perché ora non va più bene?".
 
Intervista di Edoardo Buffoni e Michela Murgia, dal Tg Zero di Radio Capital

Gli altri video di Politica