Lesbo, l'abbraccio del Papa ai migranti nel campo rifugiati: "Basta accordi economici fatti sulla pelle della gente"

"È facile trascinare l'opinione pubblica istillando la paura dell'altro perché invece, con lo stesso piglio, non si parla dello sfruttamento dei poveri, delle guerre dimenticate e spesso lautamente finanziate, degli accordi economici fatti sulla pelle della gente, delle manovre occulte per trafficare armi e farne proliferare il commercio? Vanno affrontate le cause remote, non le povere persone che ne pagano le conseguenze, venendo pure usate per propaganda politica! Per rimuovere le cause profonde, non si possono solo tamponare le emergenze. Occorrono azioni concertate. Occorre approcciare i cambiamenti epocali con grandezza di visione. Perché non ci sono risposte facili a problemi complessi; c'è invece la necessità di accompagnare i processi dal di dentro, per superare le ghettizzazioni e favorire una lenta e indispensabile integrazione, per accogliere in modo fraterno e responsabile le culture e le tradizioni altrui". Lo ha detto Papa Francesco incontrando i migranti del Reception and Identification Centre di Mitilene, nell'isola greca di Lesbo.

Gli altri video di Mondo