Trieste, in migliaia al corteo no green pass: in testa i sanitari sospesi

«Fino a ieri lavoravo all'Irccs Burlo Garofolo di Trieste, da oggi ho deciso di autosospendermi: non posso stare a questo sistema ricattatorio. Sono una guarita e con i miei anticorpi mi sento molto più sicura di tutti i colleghi vaccinati». È una delle voci dei manifestanti no Green pass che stanno partecipando a un nuovo corteo di protesta a Trieste. Secondo i primi dati della Questura sono circa 1.500 i presenti, partiti dal rione di Chiarbola, in periferia. Diverse le persone che non indossano la mascherina. In testa al corteo alcuni sanitari sospesi, vestiti anche con le tute ormai diventate simbolo dell'emergenza sanitaria. Cartelli e manifesti indicano slogan come «no Green pass, no apartheid». Ma dalle finestre del quartiere popolare, dove stanno sfilando i partecipanti, si sentono anche le prime voci che rispondo al coro «no Green pass» (Video Lasorte)

Gli altri video di Cronaca locale