Salmone affumicato illegale, maxi-sequestro a San Dorligo

Affumicava salmoni tra qualche mensola buttata a terra e attrezzi vari da edilizia. In un magazzino di periferia, a San Dorligo della Valle, la Capitaneria di Porto ne ha trovati ben 273 chili, oltre a quasi quattro chili di sogliole e branzini. Tutti sequestrati, compresi gli attrezzi da lavoro. È finito per ora così, quello che il triestino Ezio Guarnieri, socio e dipendente della ditta C.m.g con sede in via Travnik, proprietaria dell’immobile e specializzata nella manutenzione di impianti petroliferi, industriali e civili, definiva il suo hobby: affumicare questo pesce, molto ricercato nel periodo natalizio, per poi regalarlo ad amici e dipendenti. Un hobby che però non rispettava delle regole fondamentali. I militari, hanno infatti contestato la mancata tracciabilità del prodotto ittico. Per l’Azienda sanitaria, invece, i locali adibiti a laboratorio erano privi di autorizzazione e versavano in precarie condizioni igienico-sanitarie. Tutti elementi che potrebbero avere dei risvolti penali L'ARTICOLO

Gli altri video di Cronaca locale