Roma, il sit-in di Greenpeace: "Nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza non c'è tutela della biodiversità"

Un elenco di dieci punti per una vera transizione ecologica, ovvero un "Next generation in dieci passi". È quello che è stato presentato da Greenpeace Italia con un sit-in promosso a Roma davanti al Ministero dell’Economia e delle Finanze, il dicastero centrale per lo smistamento dei fondi per la ripresa che arriveranno dalla Ue. L’organizzazione ambientalista ha anche lanciato inoltre la maratona social #IlPianetaSiSalvaAdAprile, chiedendo a cittadine e cittadini di far sentire la propria voce al governo Draghi. "Mancano meno di venti giorni alla scadenza per la presentazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza italiano a Bruxelles", ricorda Chiara Campione, portavoce della campagna #IlPianetaSiSalvaAdAprile di Greenpeace Italia. "Abbiamo bisogno di progetti concreti per un futuro verde, sostenibile ed equo, ma le bozze del piano attualmente in circolazione sono vaghe, deludenti e non garantirebbero al nostro Paese una vera transizione ecologica, né una reale speranza alle nuove generazioni".

Gli altri video di Biodiversità