A Trieste il triceratopo Big John ritrova un altro femore per la posa finale

Prosegue nei laboratori della Zoic, la ditta triestina eccellenza mondiale nell’ambito della paleontologia, il lavoro di apertura delle camice di gesso, ripulitura dei reperti e ricostruzione delle parti mancanti dello scheletro dell’enorme dinosauro cornuto Big John, che si profila come uno dei più grandi triceratopi tra quelli finora ritrovati. I resti di questo gigante della preistoria - scavato in un ranch del Montana negli Stati Uniti e recentemente acquisito dalla Zoic allo stato grezzo - sono in fase di lavorazione, attraverso un work in progress raccontato al pubblico attraverso una serie di video proposti sui social dedicati a Big John e sul web del quotidiano Il Piccolo. Questa è la terza puntata della serie. «Il lavoro su Big John continua - spiega il responsabile della Zoic Flavio Bacchia nel terzo video che racconta l’avanzamento dei lavori -. È stato terminato il secondo femore ed è stato posizionato in quella che probabilmente sarà la sua collocazione definitiva». L'ARTICOLO

Gli altri video di big john