Nuova eruzione dello Stromboli con un forte boato: non ci sono danni a persone o cose

Una forte esplosione è avvenuta alle 12:17 di mercoledì 28 agosto sullo Stromboli, l'evento ha comportato la ricaduta di sabbia, cenere e altro materiale vulcanico. Alcuni testimoni hanno riferito che l'eruzione è stata preceduta da un forte boato. Un'altissima colonna di fumo si è levata dal vulcano, visibile anche a diversi chilometri di distanza. La fuoriuscita di lapilli e altro materiale incandescente ha provocato un incendio sulla zona sommitale dello Stromboli e in contrada Forgia Vecchia, sul versante dell'abitato. Altri piccoli focolai si sono registrati nella zona di Ginostra, dove molte persone per proteggersi dalla caduta di cenere e altro materiale vulcanico si sono radunate nella chiesetta della minuscola frazione raggiungibile solo via mare. Proprio a Ginostra, ricordiamo, era morto il 3 luglio scorso l'escursionista Massimo Imbesi, 35 anni di Milazzo, colto di sorpresa dall'esplosione mentre era su un sentiero insieme a un amico che si era invece salvato. Secondo l'Osservatorio Etneo dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia si è trattato di un evento esplosivo non prevedibile, che non dà segnali precursori

Gli altri video di Cronaca