IL Giorno della Memoria, Salmoni: "Faccio quel che posso, il mio è un dovere per chi non c'è più"

“Io   faccio quello che posso e il mio è un dovere anche per chi non c’è più”.   Gilberto Salmoni, presidente ligure dell’ANED, ricorda ancora una volta   l’importanza del portare il messaggio e il ricordo di quanto accaduto ai   giovani. A lui, e all’immenso lavoro che porta avanti da anni, incontrando i   giovani delle scuole, è andata la Medaglia Città di Genova. A tenere   l’orazione ufficiale Ferruccio De Bortoli, Presidente onorario del Memoriale   della Shoah di Milano. “L’errore che si può commettere - ha spiegato De   Bortoli - è di pensare che stiamo al parlando di cose che sono accadute nel   ‘900 e che le ragioni per le quali è successo non ci sono più. E invece nei   nostri comportamenti, nella nostra cultura, tornano i pregiudizi,c ‘è   indifferenza, ci sono i nuovi razzismi, c’e anche un riemergere forte di   antisemitismo, favorito dalla rete. Allora la memoria diventa un vaccino per   costruire una società più giusta ma è anche, da parte nostra, un dovere   civico e morale di raccontare ai ragazzi quanto è accaduto nel secolo scorso   mentre, nelle vostre mani, c’è la costruzione di una società che abbia   rispetto di tutti”. (videservizio di Fabrizio Cerignale)

Gli altri video di Cronaca