Coronavirus, il 'paziente uno' torna a giocare a calcio nella sua Codogno

Maglietta bianca, numero tre sulle spalle, fascia di capitano sul braccio e poca voglia di parlare con i giornalisti: il "paziente uno" torna a giocare a calcio nella sua Codogno. Sei mesi e mezzo dopo il ricovero, Mattia Maestri, il primo italiano a contrarre ufficialmente il Coronavirus, calca il prato nel campo della sua città in occasione di un triangolare tra sindaci, amministratori e volontari della Croce rossa e della Protezione civile. "Sto bene", si è limitato a commentato Maestri al termine della partita

di Antonio Nasso

Leggi l'articolo

Gli altri video di Cronaca