Corinaldo, il padre di una ragazza ferita: "Mia figlia non ricorda nulla, forse non vuole farlo"

"Mia figlia non ricorda niente e forse non vuole ricordare. La responsabilità della strage di Corinaldo è dei gestori della Lanterna Azzurra", è questa l'opinione di Pierpaolo Bella, padre di una ragazza rimasta gravemente ferita la notte tra il 7 e l'8 dicembre scorso, quando morirono 5 ragazzini e una madre di 39 anni. Per quelle vittime sono stati arrestati 6 giovani tra i 19 e i 22 anni, tutti residenti nel Modenese. Sono accusati di omicidio preterintenzionale e lesioni. "I gestori della Lanterna Azzurra - continua Bella - sono responsabili. Non si sa se il locale era accatastato come discoteca, ma se conteneva 700-800 persone, non potevi farne entrare duemila. Tutto è successo perché c’erano tutte quelle persone".
 
Intervista di Ernesto Manfrè / Radio Capital

Gli altri video di Cronaca